copertina

Nuovi testi pratesi dalle origini al 1320

A cura di Renzo Fantappié. Con la premessa di Piero Fiorelli.


€ 80


Sono qui pubblicati tutti quei testi pratesi in volgare dalle origini all'anno 1320 che sono rimasti fuori da precedenti raccolte ( e che anzi, tranne poche eccezioni, sono inediti). La maggior parte di essi sono contenuti nei registri dell'Archivio di Stato di Prato; altri altri si conservano nell'Archivio storico diocesano, nella Biblioteca Roncioniana di Prato, nell'Archivio di Stato di Firenze e in quello di Pistoia.
I testi non compresi sono quelli anteriori al 1306 già editi ed illustrati da Luca Serianni e da Arrigo Castellani.
La raccolta è divisa in due parti di varia natura e consistenza. La prima contiene una serie di testi volgari (in prosa, salvo uno in versi), composti da notai e scrittori pratesi (ma con poche e motivate eccezioni) fra il 1128 e il 1320 da notai e scrittori in parte pratesi, in parte legati a Prato non per la lingua usata e neppure per la nascita, ma per l'esercizio di un pubblico ufficio, come ed esempio i notai forestieri al seguito del podestà o del capitano.

Dalla Prefazione


Libri correlati

nella stessa collana

Rime di Angelo Poliziano

Rime di Angelo Poliziano

Se un'edizione critica si propone sempre come un'ipotesi di lavoro, capace di collegare in sistema n...

Cronaca

Cronaca

Nella produzione cronachistica e diaristica del Quattrocento volgare napoletano un posto di primo pi...