Riccardo Gualdo

Il lessico medico del De regimine pregnantium di Michele Savonarola

Nella storia della medicina italiana, il XV secolo non è un momento di svolte profonde né di scoperte rivoluzionarie. Il sapere medico classico e tardoantico, assimilato e rielaborato dalla scienza araba, era stato da questa filtrato fino a giungere alle grandi scuole europee. A scuotere e quindi abbattere definitivamente questo edificio saranno dapprima l'anatomia vesaliana e poi soprattutto le grandi scoperte biologiche dei secoli XVII e XVIII. Ma è proprio nel Quattrocento che comincia ad affermarsi l'esigenza di depurare il corpo del sapere tradizionale dalle incrostazioni dei commenti scolastici, allo scopo di attingere alla lezione più genuina dei grandi maestri del passato. Queste istanze porteranno alle nuove versioni latine del corpus ippocratico e galenico.
Se da una parte si venivano gettando lentamente le premesse per le innovazioni della scienza cinquecentesca e seicentesca, dall'altra proprio il sentore del nuovo suggeriva, come spesso accade, il ripensamento e consolidamento formale del sapere tradizionale. Di qui il fiorire di grandi sintesi finalizzate allo studio universitario e contemporaneamente l'intensificarsi dell'opera di volgarizzazione dei testi antichi e recenti.
Anche il trattato ginecologico-pediatrico De regimine pregnantium ad mulieres Ferrarienses risponde a un intento divulgativo; è infatti il distillato di alcune sezione della Practica maior del medico padovano Michele Savonarola.

Dalla Premessa

Libri correlati

NELLA STESSA COLLANA

«S'i' ho ben la parola tua intesa»

Il volume raccoglie gli Atti della Giornata di presentazione del VD – Vocabolario Dantesco (w...

«Parole apte et convenienti»

Il volume prende in esame un gruppo di lettere inedite, inviate dalla cancelleria di Firenze ai suoi...