Testi trecenteschi di Città di Castello e del contado

Con introduzione linguistica, glossario e indici onomastici

A cura di Francesco Agosti

Ho riunito nella presente raccolta i documenti più cospicui del volgare castellano trecentesco finora noti. Si tratta, a parte uno (Reg. Penitenza), di testi inediti. il loro interesse linguistico è notevole: essi ci danno il modo di ricostruire, il tracciato di varie isoglosse, di individuare concordanze e divergenze all'interno d'un area, quella comprendente la Toscana orientale e l'Umbria settentrionale, nella quale sembrano confluire tendenza di varia provenienza.

Dalla Premessa

Libri correlati

NELLA STESSA COLLANA

«L'alitare di questa terestre machina»

Il Codice Leicester (già noto come Hammer) si colloca in un momento cruciale del percorso leonardian...

Volgarizzamento degli Atti degli Apostoli

Il “Volgarizzamento degli Atti degli Apostoli”, eseguito da Domenico Cavalca intorno al 1330, rientr...

Rime di Angelo Poliziano

Se un'edizione critica si propone sempre come un'ipotesi di lavoro, capace di collegare in sistema n...