Napoleone e la Crusca

Mostra documentaria. Villa medicea di Castello

A cura di Dario Zuliani

È questo il catalogo della mostra, curata da Dario Zuliani, e realizzata nella Sala delle Pale della villa medicea di Castello, sede dell'Accademia della Crusca, per ricordare e documentare un momento significativo della storia dell'Accademia. Nel 1811 Napoleone Bonaparte, imperatore dei Francesi e re d'Italia, ristabilì la piena autonomia della Crusca, che nel 1783 il granduca di Toscana, Pietro Leopoldo, aveva accorpata nell'Accademia Fiorentina. Napoleone confermava alla Crusca gli scopi di «revisione del Dizionario della lingua italiana», e di «conservazione della purità della lingua», incaricandola inoltre di giudicare le opere meritevoli di premio per aver contribuito «con maggiore efficacia a mantenere la lingua italiana in tutta la sua purezza».
Il contenuto della mostra è tutto raccolto nel catalogo dove sono riprodotti numerosi documenti, alcuni dei quali unici e molto rari, che illuminano la politica linguistica che regolò i non facili rapporti fra italiano e francese nei venti o trent'anni tra la fine del '700 e l'inizio dell'800.

  • Pagine: 71
  • Editore: Accademia della Crusca
  • Anno di edizione: 2016
  • ISBN: 978-88-89369-68-5
  • Disponibile:
  • Collana: Fuori collana

Libri correlati

NELLA STESSA COLLANA

Il patrimonio linguistico europeo, un tesoro da proteggere

Il 28 settembre 2018, nella sede dell’Accademia della Crusca, si è svolto un incontro di significato...

Parole che dici umane

Il volume, curato da Maria Cristina Torchia, con una premessa di padre Ennio Brovedani, raccoglie gl...

Conosciamo l'italiano? Usi, abusi e dubbi della lingua

Il libro propone alcune osservazioni sulla lingua italiana di oggi, offrendo qualche spunto di rifle...