Leonardo Salviati

Regole della toscana favella

Edizione critica a cura di Anna Antonini Renieri. Premessa di Giovanni Nencioni

Nel quarto centenario della morte del fondatore dell'Accademia della Crusca (1589-1989) Anna Antonini Ranieri ha concluso la paziente fatica dell'edizione critica delle finora inedite «Regole della toscana favella» e, insieme, delle dimostrazione della loro paternità salviatesca mediante un puntuale confronto lessicale e sintattico fra il testo delle «Regole» e quello degli «Avvertimenti della lingua sopra il Decamerone» e di altre opere del Salviati, delle quali essa ha una conoscenza impareggiabile. Il confronto non è soltanto formale, ma anche sostanziale; e serve, come hanno servito altri lavori salviateschi dell'autrice, a illuminare il pensiero di un grande grammatico e filologo, che insieme con Vincenzo Borghini fondò a Firenze la filologia dei testi volgari, una lessicografica; per non dire del suo geniale contributo alla descrizione delle strutture fonetiche, grafiche e morfologiche della lingua.

Dalla Premessa

Libri correlati

NELLA STESSA COLLANA

Le grammatiche scolastiche dell'italiano edite dal 1919 al 2018

Il libro di Dalila Bachis offre un censimento delle grammatiche scolastiche dell’italiano (spesso co...

Vocabolario del dialetto napolitano

Il Vocabolario del dialetto napolitano (1891) di Emmanuele Rocco rappresenta il primo vero te...

Concordanze lessicali italiane e francesi del Codice Napoleone

Nel gennaio 1806 il re d’Italia e imperatore dei Francesi, Napoleone Bonaparte, approvò la traduzion...