Giuseppe Giusti

Voci di lingua parlata

A cura di Piero Fiorelli

Se da un lato Giusti riconosceva ed esaltava i meriti della scienza, dall'altro gli pesava che le astrattezze e le astruserie d'un linguaggio riservato ai libri facessero cadere in dimenticanza le voci, le movenze, le sfumature appropriate di cui si fa bello, senza pensarci, l'uso parlato più spontaneo. Dello studio che ne fece dà continua testimonianza tutto il suo modo di scrivere, in versi e in prosa, e anche nell'epistolario. Ne dà ora un supplemento di testimonianza la pubblicazione a stampa di quegli appunti, di quei tratti di penna, di quei «rabeschi» come diceva volentieri, che gli era accaduto di lasciare scritti in una sessantina di foglietti senza un ordine apparente, tenuti insieme da un'idea di lingua viva e schietta che gli ribolliva in mente.
Sono un migliaio di parole e modi di dire, che Piero Fiorelli ha ordinato in forma di glossario; e sopra vi ha steso una ricca e godibile ragnatela d'annotazioni, tese a dare notizia anche della varia fortuna lessicografica di quelle voci.

Approfondimenti

Voci di lingua parlata raccolte da Giuseppe Giusti
(pp. 72-78)

Indice
(p. 235)

Libri correlati

NELLA STESSA COLLANA

«S'i' ho ben la parola tua intesa»

Il volume raccoglie gli Atti della Giornata di presentazione del VD – Vocabolario Dantesco (w...

«Parole apte et convenienti»

Il volume prende in esame un gruppo di lettere inedite, inviate dalla cancelleria di Firenze ai suoi...

Cose e parole nei "viaggi" di Pietro Della Valle

Se nei Viaggi troviamo il «diario e la storia» dell'uomo Pietro della Valle, se le sue «lette...