Andrea Felici

«Parole apte et convenienti»

La lingua della diplomazia fiorentina di metà Quattrocento

Il volume prende in esame un gruppo di lettere inedite, inviate dalla cancelleria di Firenze ai suoi ambasciatori presso i maggiori Stati italiani, in occasione delle trattative per la stipula della pace di Lodi e l'istituzione della Lega italica (1454-1455). Tenendo conto della complessità, per forma e contenuti, di questi documenti, il lavoro si articola in varie sezioni che cercano di studiarne i tratti caratterizzanti per fono-morfologia, sintassi e lessico. Al capitolo introduttivo, con la descrizione del "corpus" e del funzionamento della cancelleria fiorentina di metà Quattrocento, seguono quelli di analisi testuale: un primo, inerente all'impasto di latino e volgare che compone in varia forma queste scritture; e un secondo, che affronta le maggiori tecniche argomentative dei testi anche in rapporto ai loro riflessi sugli stilemi della prosa machiavelliana. L'ultima e più importante sezione è infine dedicata all'aspetto terminologico: sono messi in evidenza sia il cosiddetto "lessico di rappresentanza", impiegato nelle missive di tono prettamente formulare, sia quello più specialistico, di marca giuridico-amministrativa, qui raccolto e analizzato in un corposo glossario.

Approfondimenti

Recensione di Barbara Fanini
In www.treccani.it

Indice
(pp. 251-52)

Libri correlati

NELLA STESSA COLLANA

«S'i' ho ben la parola tua intesa»

Il volume raccoglie gli Atti della Giornata di presentazione del VD – Vocabolario Dantesco (w...

Voci di lingua parlata

Se da un lato Giusti riconosceva ed esaltava i meriti della scienza, dall'altro gli pesava che le as...

Cose e parole nei "viaggi" di Pietro Della Valle

Se nei Viaggi troviamo il «diario e la storia» dell'uomo Pietro della Valle, se le sue «lette...