Rosario Coluccia

Conosciamo l'italiano? Usi, abusi e dubbi della lingua

Il libro propone alcune osservazioni sulla lingua italiana di oggi, offrendo qualche spunto di riflessione e possibili suggerimenti pratici. Dove sta andando l'italiano? È vero che la scuola non insegna più a parlare e a scrivere correttamente, che gli scritti dei concorsi pubblici sono pieni di errori madornali, che giornali e libri pullulano di sciatterie e badano poco alla limpidezza espressiva? Che troppe parole ed espressioni inglesi si insinuano dappertutto, nell'orale e nello scritto? Quanto incide internet su tutto questo? I dialetti valgono ancora qualcosa o dobbiamo abbandonarli, buttarli via come si fa con gli oggetti vecchi e inservibili?
Possiamo e dobbiamo opporci alla deriva, difendere la comprensibilità e la bellezza della lingua, senza aprioristiche negazioni dei fermenti che la percorrono, evitando di cedere al pressapochismo che ignora la storia e la funzionalità.
Nel libro si citano linguisti, semiologi, pedagogisti, filosofi, ma anche politici, papi, attori, cantanti, fashion blogger e influencer, pubblicitari, atleti. La ragione è evidente. La lingua appartiene a tutti, usandola con attenzione, con amore, ne decidiamo collettivamente le sorti.

  • Pagine: 197
  • Editore: Accademia della Crusca
  • Anno di edizione: 2020
  • ISBN: 978-88-89369-97-5
  • Disponibile:
  • Collana: Fuori collana

Libri correlati

NELLA STESSA COLLANA

Il patrimonio linguistico europeo, un tesoro da proteggere

Il 28 settembre 2018, nella sede dell’Accademia della Crusca, si è svolto un incontro di significato...

Parole che dici umane

Il volume, curato da Maria Cristina Torchia, con una premessa di padre Ennio Brovedani, raccoglie gl...