Rosario Coluccia

Conosciamo l'italiano? Usi, abusi e dubbi della lingua

Il libro propone alcune osservazioni sulla lingua italiana di oggi, offrendo qualche spunto di riflessione e possibili suggerimenti pratici. Dove sta andando l'italiano? È vero che la scuola non insegna più a parlare e a scrivere correttamente, che gli scritti dei concorsi pubblici sono pieni di errori madornali, che giornali e libri pullulano di sciatterie e badano poco alla limpidezza espressiva? Che troppe parole ed espressioni inglesi si insinuano dappertutto, nell'orale e nello scritto? Quanto incide internet su tutto questo? I dialetti valgono ancora qualcosa o dobbiamo abbandonarli, buttarli via come si fa con gli oggetti vecchi e inservibili?
Possiamo e dobbiamo opporci alla deriva, difendere la comprensibilità e la bellezza della lingua, senza aprioristiche negazioni dei fermenti che la percorrono, evitando di cedere al pressapochismo che ignora la storia e la funzionalità.
Nel libro si citano linguisti, semiologi, pedagogisti, filosofi, ma anche politici, papi, attori, cantanti, fashion blogger e influencer, pubblicitari, atleti. La ragione è evidente. La lingua appartiene a tutti, usandola con attenzione, con amore, ne decidiamo collettivamente le sorti.

  • Pagine: 197
  • Editore: Accademia della Crusca
  • Anno di edizione: 2020
  • ISBN: 978-88-89369-97-5
  • Disponibile:
  • Collana: Fuori collana

Libri correlati

NELLA STESSA COLLANA

I temi del mese

La nuova raccolta di Temi del mese apparsi sul sito dell’Accademia della Crusca dal gennaio 2...

«Acciò che 'l nostro dire sia ben chiaro»

Sotto un’espressiva citazione dal Della pittura di Leon Battista Alberti sono raccolti gli st...

Voci della Grande Guerra

Il volume raccoglie gli interventi della giornata di studi tenutasi presso l’Accademia della Crusca ...