Leggenda di San Torpè

A cura di Mahmoud Salem Elsheikh

Quando si dà alla luce un testo inedito non c'è forse necessità di giustificare l'iniziativa dell'editore. Tanto più quando il testo risale alla fine del secolo XIII o al massimo ai primi del XIV, e si presenta in una lingua nutrita di schietti elementi dialettali, sì da arricchire la testimonianza del più antico volgare pisano e aumentare il già cospicuo numero di testi letterari di una zona vitale della storia della cultura italiana. Non è tuttavia solo l'interesse linguistico che ci ha indotto a pubblicare la «Leggenda di San Torpè», ma il desiderio di sottrarre al buio secolare uno dei più venerati santi pisani, che ha lasciato un segno notevole nella vita religiosa e culturale della città di Pisa, oltre all'offerta di nuove informazioni sul martire locale e sui suoi miracoli. Al di là della scoperta dell'inedito, l'edizione della «Leggenda di San TOrpè» trova così una duplice giustificazione: l'una linguistica e l'altra storico-culturale.

Dall'Introduzione

Libri correlati

NELLA STESSA COLLANA

Sonetti di Francesco Cei

Dopo vari studi sulla tradizione e sui contenuti del corpus di rime di Francesco Cei (96 sone...

Rime di Pietro de' Faitinelli

Il notaio lucchese Pietro de’ Faitinelli, detto Mugnone (1280-90 ca.-23 novembre 1349) è autore di u...

Le Rime di Onesto da Bologna

Sotto il nome di Onesto da Bologna si leggono nei manoscritti due canzoni, una ballata, venti sonett...