Iacopo Passavanti

Lo specchio della vera penitenzia

Edizione critica a cura di Ginetta Auzzas

Lo Specchio della vera penitenzia del domenicano Iacopo Passavanti (1302c.-1357) s'inserisce nel filone della trattatistica medievale ("summae" e manuali di confessione) sul sacramento della penitenza. Lo Specchio è un manuale destinato ai laici, e perciò in volgare, che si colloca a fianco di opere generalmente in latino. L'opera è la traduzione in forma di trattato di prediche tenute dall'autore nel corso di più anni, in specie nella Quaresima del 1354. Essa si rapporta con l'evoluzione della pietà dei laici nel tardo Medioevo, e per questo, nel quadro di nuovi orientamenti della storiografia, risulta di notevole interesse per la ricostruzione della mentalità dell'epoca. La presenza di un raffinato tessuto linguistico, punteggiato da numerosi exempla, gli ha ritagliato anche uno spazio solido nella storia della lingua e della letteratura italiane: coevo del Decameron, lo Specchio è stato, ed è, oggetto di apprezzamento per il sapore "novellistico" di tali raccontini, alcuni dei quali (ad es., del Carbonaio di Niversa, accostabile alla celebre novella boccacciana di Nastagio) sono divenuti famosi. Più volte stampato, non ne era tuttavia mai stata realizzata l'edizione critica.

Libri correlati

NELLA STESSA COLLANA

«L'alitare di questa terestre machina»

Il Codice Leicester (già noto come Hammer) si colloca in un momento cruciale del percorso leonardian...

Volgarizzamento degli Atti degli Apostoli

Il “Volgarizzamento degli Atti degli Apostoli”, eseguito da Domenico Cavalca intorno al 1330, rientr...

Rime di Angelo Poliziano

Se un'edizione critica si propone sempre come un'ipotesi di lavoro, capace di collegare in sistema n...