Domenico Cavalca

Volgarizzamento degli Atti degli Apostoli

Edizione critica a cura di Attilio Cicchella

Il "Volgarizzamento degli Atti degli Apostoli", eseguito da Domenico Cavalca intorno al 1330, rientra nella produzione in lingua volgare che si realizzò attorno allo Studium del convento domenicano di S. Caterina d'Alessandria a Pisa. L'opera s'inserisce in effetti nell'alveo del vasto programma di traduzioni promosso dai Fratres Praedicatores per contrastare le numerose eresie che si erano diffuse in tutta Europa a partire dall'anno Mille. La tradizione dell'opera, composta da sedici codici cronologicamente distribuiti dalla metà del Trecento fino ai primi anni Settanta del Quattrocento, è stata per la prima volta oggetto di uno studio sistematico grazie all'escussione di tutti i testimoni (comprese le stampe), dei quali sono state individuate le relazioni genealogiche, e la cui varia lectio, anche per la sua importanza storico-linguistica, viene puntualmente documentata in apparato. Il testo critico, improntato al rispetto di una moderna prassi ecdotica, restituisce il volgarizzamento a quella che doveva essere la sua dimensione originaria, a partire dalla facies fonomorfologica pisana, dai precedenti editori obliterata in favore di una veste linguistica fiorentinizzante.

Approfondimenti

Indice
(pp. 403-5)

Libri correlati

NELLA STESSA COLLANA

Il trattato de' colori de gl'occhi di Giovani Battista Gelli con l'originale latino di Simone Porzio

Per la prima volta si ripubblica il Trattato de’ colori de gl’occhi (1551) del letterato fior...

«L'alitare di questa terestre machina»

Il Codice Leicester (già noto come Hammer) si colloca in un momento cruciale del percorso leonardian...